Alimentazione corretta: quali le scelte giuste?

Uno dei maggiori dilemmi degli sportivi è l’alimentazione. Spesso tutti gli sforzi fatti in palestra infatti finisco per essere quasi del tutto vanificati da un modo di mangiare sbagliato. Abbiamo deciso di chiedere un parere al nostro medico, che spesso si sente chiedere pareri sull’alimentazione dagli sportivi.

Gianluca Gargaruti dopo essersi laureato in Fisioterapia, aver preso una specializzazione in Osteopatia ha deciso che per completare la sua formazione conseguire anche una laurea in Medicina e Chirurgia fosse la scelta migliore per la sua carriera. Lavora da ormai 10 anni nel nostro Team e oggi parleremo con lui per farci dare qualche consiglio utile per l’apporto calorico più idoneo al fisico di uno sportivo.

La prima domanda che vogliamo porti è forse un po’ banale, ma abbiamo visto che spesso i nostri atleti hanno le idee confuse al riguardo:

cosa si intende per alimentazione?

<< Non è assolutamente una domanda banale ma credetemi, spesso nella pratica ci troviamo di fronte a persone che non hanno idea di cosa significa ” alimentarsi“. Sono persone che ” mangiano” ma lo fanno in maniera assolutamente scorretta senza rispettare quelle che sono le regole fondamentali per una corretta e sana alimentazione. Per definizione intendiamo con “Alimentazione” l’assunzione di alimenti al fine di nutrire l’organismo e garantire l’apporto di tutte le sostanze necessarie allo sviluppo delle strutture corporee e allo svolgimento delle funzioni vitali”.

Quindi è palese il concetto che il “Mangiare” non significa per forza “alimentarsi” ,perché molte volte il nostro mangiare viene fatto con il fine di sfamarsi o di gratificarsi e non con un fine nutritivo. Mentre invece si dovrebbe sempre pensare all’apporto nutritivo che stiamo dando al nostro corpo.

Ogni sostanza che ingeriamo infatti apporta non solo delle differenti calorie al nostro corpo, ma soprattutto una serie di sostanze che devono trovarsi in modo bilanciato nel nostro corpo, per evitare di vanificare gli allenamenti o peggio ancora farci ingrassare.>>

Gianluca quando parli di corretta alimentazione che cosa si intende?

<< Allora diciamo che una dieta sana e bilanciata ha delle caratteristiche precise e vanno rispettate delle componenti. Prima di tutto la varietà delle proposte alimentari. Questo è un fattore molto importante e che non dovrebbe mai essere trascurato da nessuno.

Variare i cibi che ingeriamo ci consente di non fare abituare in nostro organismo all’assunzione di determinati nutrienti e quindi di stimolarlo in maniera corretta ad ogni pasto; ci permette di assumere tutte le sostanze necessarie, che poi vi spiegherò nel dettaglio. Non solo variare la tipologia di cibo aiuta il nostro corpo a rimanere in forma, ma cambiare di tanto in tanto la cottura e la preparazione degli alimenti può essere un modo gustoso e nuovo per tenersi in forma.

Altra caratteristica importantissima per l’alimentazione sana è bilanciarla al nostro corpo. La nostra alimentazione deve essere adeguata al nostro corpo e a quelle che sono le nostre esigenze sia in ambito sportivo che extra. Ogni individuo è un essere unico, con delle esigenze delle caratteristiche uniche, che non possono essere riscontrate in un un’altra persona. Ecco una cosa sbagliatissima è quella di copiare le diete e i programmi alimentari da altri, siano essi amici o parenti. Ciò che va bene per loro non è detto che vada bene per noi, anzi potrebbe essere dannoso al nostro organismo. Quindi mi raccomando: non prendete in prestito la dieta di un altro!

La terza e fondamentale regola per avere una dieta sana sono le proporzioni! Si devono e vorrei sottolinea questo si devono assumere tutti gli alimenti nelle corrette proporzioni. Nella dieta mediterranea, quella a cui facciamo più spesso riferimento, normalmente si considera che  nell’arco della giornata si devono assumere un 55% di carboidrati, un 15-20% di proteine e il restante 25-30% di grassi. Questo è uno schema che ovviamente può variare secondo le persone, ma in linea di principio sono queste le percentuali che si devono assumere per riuscire a non ingrassare.

Alimentazione corretta

Infine non dobbiamo dimenticare la distribuzione, ossia la corretta ripartizione dei nutrienti nell’arco della giornata. Non dovremo caricare il nostro corpo di nutrienti ad esempio a cena, perché potremmo non avere il tempo poi per smaltire le sostanze assunte e potremmo incorrere nel classico problema dell’ingrassare senza un apparente motivo.>>

Gianluca proprio per questo ultimo punto, la distribuzione dei nutrienti, cosa potremmo consigliare a chi pratica la boxe? Quanto è importante questo passaggio?

<< Nel nostro caso specifico, ossia quando si parla di alimentazione legata al match o alla fase preparatoria, direi che questo è uno dei passaggi più importanti. Risulta necessario che il programma alimentare vari in funzione del programma di allenamento, cioè che la nostra alimentazione riesca a garantire al meglio lo svolgimento del programma e delle fasi della preparazione atletica.

Sarà quindi necessario che ci sia una comunicazione tra il nutrizionista e il preparatore atletico per offrire all’atleta i maggiori benefici sia durante la preparazione che durante la gara.

Questo è ancora più importante nella boxe, che negli altri sport, dove il peso dell’atleta è fondamentale ed è importantissimo raggiungerlo nella maniera corretta al fine di non incorrere in squilibri nutrizionali e funzionali che potrebbero compromettere la performance.Gli atleti inoltre devono fare particolare attenzione ad un altro fattore di importanza non trascurabile: l’idratazione.

Troppo spesso infatti ce ne dimentichiamo causando dei danni, a volte anche gravi al fisico. Il nostro corpo e’ costituito per un 65%-70% di acqua, dobbiamo tenerne conto!! In una seduta di allenamento si perdono molti liquidi e una quota minore di sali minerali, che devono essere reintegrati assolutamente per evitare di disidratazione o l’incorrere di problemi anche maggiori.

Quindi si deve bere molto prima acqua, durante e dopo una seduta di allenamento ed eventualmente integrare con sali minerali, ma per questo argomento credo che sarà meglio fare un’altra rubrica di approfondimento per far capire tutti i passaggi importanti e come riuscire ad evitare spiacevoli disagi.>>

ingraziamo Gianluca Gargaruti per la disponibilità e consigliamo a tutti di fare attenzione al nostro sito per le prossime rubriche di approfondimento con il nostro medico. Un esempio? Le proteine: quali sono le migliori da assumere e come reagiscono nel nostro corpo.

Un argomento da non perdere!